La cremagliera più ripida del mondo e la sua storia

Storia

Nel 19° secolo l’ingegner Eduard Locher ebbe l’idea di costruire una ferrovia sul Pilatus. Molti lo presero per matto. L'utopia divenne però realtà con l'inaugurazione, nel 1889, della linea lunga 4618 m che portava da Alpnachstad al Pilatus Kulm. Con una pendenza massima del 48%, è a tutt’oggi la cremagliera più ripida del mondo. Per superare tale pendenza ci voleva una tecnica ingegnosa. L'exploit fu possibile grazie all'idea geniale di realizzare due ruote a cremagliera orizzontali. Questo capolavoro fu anche presentato all'Esposizione mondiale di Parigi del 1889.


48% PENDENZA – IL PARTICOLARE SISTEMA A CREMAGLIERA

Da oltre cent’anni i vagoni della Pilatusbahn scalano la vetta dell’imponente Pilatus lungo il tracciato della più ardita ferrovia a cremagliera esistente al mondo. Con una pendenza massima del 48%, è la cremagliera più ripida del mondo, un’opera unica nel suo genere. Data l’eccezionale ripidezza si correva il rischio che le rotaie dentate dei sistemi a cremagliera noti fino ad allora si potessero sollevare. Per questo gli ingegneri dovettero inventarsi un sistema di cremagliera particolare, dotato di una speciale asta a cremagliera.

Fino al 1937 erano in servizio undici vagoni a vapore. Il tragitto, lungo 4618 metri, passando per la stazione di smistamento e rifornimento dell’acqua Ämsigen (oggi fermata ufficiale), la Mattalp e lungo la parete dell’Esel fino alla vetta del Pilatus, si poteva percorrere in 70 - 80 minuti. 

DALLA TRAZIONE A VAPORE ALL’ELETTRIFICAZIONE DELLA FERROVIA

Già nel 1905 si cominciò a pensare di convertire la ferrovia dalla trazione a vapore al sistema di trazione elettrico. Questo progetto di elettrificazione dovette però essere accantonato per via dei costi troppo elevati per quel tempo. Dal 1931 i responsabili della società Pilatus-Bahn dell’epoca tornarono a prendere in considerazione un’elettrificazione della linea ferroviaria, questo anche a causa della forte usura dei veicoli utilizzati fino ad allora. Il 15 maggio 1937 fu solennemente inaugurata la ferrovia a trazione elettrica con le nuove automotrici. Due delle automotrici a vapore sono ancora conservate. È possibile visitarle in Svizzera e in Germania: presso il Museo svizzero dei Trasporti di Lucerna e presso il Deutsches Museum di Monaco di Baviera.

Film muti storici

Elettrificazione 1937 (1)

Elettrificazione 1937 (2)

Film pubblicitario 1937 (1)

Film pubblicitario 1937 (2)

Film pubblicitario 1937 (3)

Film pubblicitario 1937 (4)

Film pubblicitario 1937 (5)